Taggati ‘Dimissioni’

Se cala il livello occupazionale, niente più bonus per i neoassunti

Se cala il livello occupazionale,  niente più bonus per i neoassunti
Le dimissioni del lavoratore o il suo licenziamento per giusta causa legittimano la revoca del credito d’imposta previsto a favore di chi impiega nuovi dipendenti L’agevolazione fiscale prevista dall’articolo 4 della legge n. 449 del 1997 in termini di attribuzione a favore delle piccole e medie imprese (individuate mediante rinvio al decreto del ministro dell’Industria, del commercio e dell’artigianato 18 settembre 1997), che dall’1 ottobre 1997 al 31…
Taggato con:

NUOVE INDENNITA’ DI DISOCCUPAZIONE ASPI E MINI ASPI

NUOVE INDENNITA’ DI DISOCCUPAZIONE ASPI E MINI ASPI
ASPI: la prestazione sociale a favore dei lavoratori che hanno perso il lavoro

Lavoratori interessati –  Possono chiedere e ricevere l’ASPI i lavoratori dipendenti, compresi gli apprendisti ed i soci lavoratori di cooperative (non i lavoratori a progetto per i quali è prevista invece l’una tantum per i parasubordinati).

Indennità sostituite L’ASPI sostituirà a regime le indennità di: • disoccupazione ordinaria non agricola • mobilità • disoccupazione speciale edile

Decorrenza Il trattamento…

“Tassa di licenziamento” rivalutazione 2014 : 489,61 euro annui

“Tassa di licenziamento” rivalutazione 2014 : 489,61 euro annui

Il 2014 inizia con un incremento del ticket sui licenziamenti, introdotto dalla legge Fornero n. 92/2012, in vigore dal 1° gennaio 2013 e dovuto in tutti i casi in cui si verifichi la risoluzione di un rapporto di lavoro a tempo indeterminato per cause indipendenti dalla volontà del lavoratore.

Il nuovo valore è stabilito in euro 40,80 mensili (euro 489,61 per ogni anno di anzianità del lavoratore licenziato) a seguito…

Taggato con:     

Dimissioni e risoluzione consensuale: nuova modulistica per la convalida per le lavoratrici madri e lavoratori padri

Dimissioni e risoluzione consensuale: nuova modulistica per la convalida per le lavoratrici madri e lavoratori padri

Dal Ministero del lavoro il nuovo modello utilizzabile dal 1° gennaio 2014 per la convalida delle dimissioni e della risoluzione consensuale delle lavoratrici madri e dei lavoratori padri avvenute nei primi tre anni di vita del bambino o di accoglienza del minore adottato.

Anche se con ritardo, il Ministero del Lavoro ha provveduto ad adeguare la modulistica in uso per laconvalida delle dimissioni e della risoluzione consensuale del rapporto di lavoro delle lavoratrici madri e dei lavoratori padri,…

Taggato con:

Approvato il Decreto Lavoro

Approvato il Decreto Lavoro

Il Decreto Lavoro appena approvato dal Governo contiene in sé molte delle tematiche “calde” che richiedevano un intervento urgente.

Obiettivo dichiarato del decreto è creare 200mila nuovi posti di lavoro, per la maggior parte a tempo indeterminato, ma anche aumentare le opportunità di formazione ed occupazione per i giovani, soprattutto al Sud, dove la crisi è particolarmente sentita.

Analizziamo punto per punto gli interventi su cui si è focalizzato il Governo:

Decontribuzione Le aziende che…

Taggato con:       

Il contributo di licenziamento criteri impositivi e modalità operative. Ulteriori precisazioni riguardo alla contribuzione ordinaria e aggiuntiva ASpI.

Il contributo di licenziamento criteri impositivi e modalità operative. Ulteriori precisazioni riguardo alla contribuzione ordinaria e aggiuntiva ASpI.

L’INPS, con la circolare 22/03/2013 n.44, ha fornito modalità operative e chiarimenti in merito al contributo di licenziamento dovuto dai datori di lavoro in tutti i casi in cui la cessazione del rapporto di lavoro genera in capo al lavoratore un teorico diritto all’indennità ASPI, a prescindere dall’effettiva percezione della stessa (art.2, c.31 L. 92/2012 modificato dalla L. 228/2012).

Contribuzione dovuta sulle interruzioni di rapporti di lavoro a tempo indeterminato,…

Lettera di dimissioni

Lettera di dimissioni

La lettera di dimissioni è la comunicazione scritta inviata dal lavoratore al datore di lavoro per comunicare il recesso dal rapporto di lavoro. In base all’articolo 2118 del codice civile Ciascuno dei contraenti può recedere dal contratto di lavoro a tempo indeterminato, dando il preavviso (all’altra parte) nel termine e nei modi stabiliti dalle norme corporative, dagli usi o secondo equità. In mancanza di preavviso, il recedente è tenuto verso l’altra…

Taggato con: